18 luglio, 2006

Ripartire dopo i Mondiali


I Campionati del mondo sono manifestazione che si svolge a cadenza quadriennale. 4 anni per aggirarsi su un piedistallo per il mondo desiderosi di dimostrare di aver meritato questo storico alloro (vedi Italia), 4 anni per rifondare una squadra che ha deluso (vedi Brasile) o per continuare il miglioramento di un buon corso già ben avviato (vedi Germania)...


Cambiare aria Il primo nodo da sciogliere da parte di tutte le varie federazioni nazionali, è sicuramente quello relativo alla scelta del ct. Tantissime nazionali hanno già optato per un cambio, ma sarebbe meglio dire che tantissimi allenatori hanno deciso di cambiare aria, nonostante la federazione li volesse mantenere la proprio posto. Vediamo i casi più eclatanti:


  • Lippi L'allenatore viareggino se ne va da campione del mondo. Il Marcello nazionale segue una moda non troppo diffusa ma che sembra essere sicuramente la migliore: andarsene senza troppe discussioni, da vincitore assoluto. "Poi è difficile ripetersi..."
  • Klinsmann Il ct che ha avuto l'onore di essere eletto allenatore ideale del mondiale dalla redazione di VivaiMondiali lascia dopo il bel lavoro svolto. Ha iniziato tra le polemiche e con una squadra assolutamente allo sfascio, se ne va con un bel terzo posto e con una nazionale rinnovata che guarda con fiducia al futuro
  • Parreira Ha compiuto l'impresa di far giocare male una squadra imbottita dagli assi più forti del mondo. Impossibile supportare tatticamente il "quadrato magico"?? Togli una punta... Ronaldinho era a pezzi dopo una stagione massacrante?? Usalo part-time.. Cercasi coraggio sulla panchina dei verdeoro, coraggio che potrebbe rispondere al nome di felipe Scolari: mai ritorno fu tanto acclamato...
  • Eriksson Il ct svedese lascia una panchina che è sempre stata bollente, al di là delle scelte tattiche, per la vita un pò libertina del vecchio marpione Sven Goran... L'Inghilterra comunque non ha fatto malissimo, anche se aveva sicuramente a disposizione una generazione di giuocatori formidabili che non hanno mai vinto nulla...

7 Comments:

At 11:58, Blogger Camilla_86 said...

ciao fra! ma scrivi ancora? quindi non 6 in vacanza: però non ti si vede mai in giro

 
At 20:23, Blogger Il fra said...

mi tengo alla larga dalla gente perchè altrimenti, come potrai ben capire, sarei sommerso dalle ammiratrici in delirio -1 pò come i giocatori della nazionale..-
:)

 
At 20:24, Blogger Il fra said...

notizia d oggi è che Parreira ha dato le dimissioni. scusate se io l'avevo già anticipato ieri...

 
At 11:43, Blogger salvo said...

BRavo Fra

 
At 17:15, Blogger Manu said...

MOSCARABELLI...ho detto tutto!

 
At 19:30, Blogger Teo said...

Caso Materazzi-Zidane.
Se fossi un giocatore francese la prossima volta picchierei più forte. Tanto non mi puniscono...anzi, magari mi premiano e squalificano anche lo sfigato con cui me la sono presa perchè non s'è difeso.
Se fossi un giocatore qualsiasi d'ora in poi reagirei immediatamente. Perchè limitarsi ad insultarlo? Lo picchio, tanto per una giornata in più o in meno...almeno gli faccio male.
Se fossi in Guido Rossi mi appenderei un cartello sulla testa con scritto: "sono un cretino" (come si fa ad accettare una sentenza così senza dire nulla???).
Se fossi un tifoso indignato per il caso Moggi, mi guarderei intorno: Blatter è molto, molto, molto, molto, molto peggio.
Se fossi un sottoposto di Blatter mi licenzierei e lo manderei a fanculo. Vergogna!
Se fossi un italiano all'estero andrei in giro con fierezza con la maglia azzurra perchè se un nostro campione sputa noi ci vergognamo, perchè se uno tira una gomitata noi lo puniamo, lo critichiamo e accettiamo una sanzione dura, perchè se un nostro giocatore provoca non ci lamentiamo se gli danno due giornate, è giusto così. Ma pretendiamo giustizia. E questa non lo è.
Se fossi un francese mi prenderei a sberle per la mia ottusa stupidità e arroganza, vergognandomi.

 
At 11:07, Blogger salvo said...

Concordo con Teo... Sentenza Fifa Scandalosa. Francesi vergognatevi tutti

 

Posta un commento

<< Home